“Con l’Antiginnastica ho riscoperto il mio corpo”, parola di Lucrezia Zazzera

Il racconto dell'ex ballerina e del suo approccio alla pratica di benessere fondata da Thérèse Bertherat: "Un metodo rivoluzionario, parallelo a quello sperimentato da Pina Bausch nella sua teatro-danza"

scritta-3-persone

Antiginnastica

Lucrezia Zazzera

di Lucrezia Zazzera

Negli anni ’80, vivevo a Parigi ed ero una danzatrice. Non ricordo più come, mi sono ritrovata tra le mani “Guarire con l’Antiginnastica” di Thérèse Bertherat. Dopo aver letto il libro, l’ho contattata e ho cominciato a seguire delle sedute di Antiginnastica con una sua assistente. Attraverso la danza, pensavo di conoscermi a fondo, un po’ alla volta mi sono resa conto che così non era. Sono rimasta affascinata da questa ricerca sul corpo, dall’approccio così personale e intimo.

Nell’accezione comune, un’attività fisica presuppone un “fare”, un obiettivo da raggiungere. Qui, più che un fare, è un lasciar fare. L’attenzione puntuale alla struttura anatomica e fisiologica si rifà alle scoperte biomeccaniche di Francoise Mezieres con cui la Bertherat ha a lungo collaborato.

Siamo chiamati a essere performanti ogni giorno, sul lavoro, nella vita famigliare, nel tempo libero. Nell’Antiginnastica non v’è alcuna richiesta di performance, non c’è un far bene o un far male. Ognuno fa quello che può con le proprie modalità e i propri tempi.

E’ una pedagogia del corpo, si impara a conoscerlo dall’interno attraverso piccoli e precisi movimenti, mai ripetitivi e meccanici. Un po’ alla volta si ritrova l’ampiezza del proprio respiro naturale, si capisce come le varie parti del corpo siano collegate tra loro. Si lavora su tutto il fisico prendendo in esame i muscoli, dai più grandi ai più piccoli, dimenticati o addormentati.

Andando a rimuovere le tensioni muscolari può succedere che anche quelle emotive si allentino portando benessere a tutto il corpo, così anche il tono vitale migliora, l’energia circola più liberamente e si è più disposti al sorriso.

Nel corso degli anni e, soprattutto, durante la formazione che mi ha portata a diventare una esperta certificata di Antiginnastica, ho avuto modo di scoprire molte analogie tra il lavoro di Thérèse Betherat e quello di Pina Bausch, ballerina e coreografa tedesca, mio punto di riferimento artistico e personale. Due pioniere che, lavorando nello stesso periodo storico, hanno sperimentato un approccio alla vita fatto di corpo, emozioni, ricordi e sentimenti che convivono in ognuno di noi in maniera unica.

“L’Antiginnastica è una pratica rivolta a chiunque possegga un corpo”, diceva Thérèse Bertherat. Venendo dal mondo artistico posso dire che questo straordinario metodo può essere molto efficace anche per tutti coloro che, per motivi professionali, si esprimono attraverso il corpo, uno strumento fondamentale, tra gli altri, per danzatori, attori e musicisti.

 

Lucrezia Zazzera – Tel 335 413606

Simona Lucarini – Tel 338 4880353

Marilina Lavecchia, Tel 329 0926524– Castelli Romani

www.antiginnastica.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: